PA

Verso Ovest

Oggi partiamo. 

Questa volta salutare amici e famigliari è ancora più difficile, e non solamente per la certezza che non ci vedremo per tanto. È anche la percezione di un’insicurezza, una preoccupazione che traspare negli sguardi delle persone a cui vogliamo bene. È la consapevolezza di andare controcorrente, di non sentirsi approvati, di essere in qualche modo giudicati. Un piccolo peso che mi porto dentro, che a volte mi fa sbandare, e che si scioglierà piano piano, con la solitudine e con lo scorrere del tempo. 

Durante le scorse due settimane abbiamo riscoperto i piccoli piaceri della vita a terra,  la facilità di comunicazione, di reperire delizie e qualsiasi altro bene, il piacere di passare del tempo con le persone care, di farsi una lunga doccia! 

Peppe è stato molto occupato con la barca, che ora è equipaggiata con vele nuove, nuovo tangone, nuovi filtri, nuove batterie servizi, nuova luce di via in testa d’albero, nuove luci di coperta, nuovo cristal dello sprayhood, lifeline, laccio idrostatico per la zattera di salvataggio, nuove batterie del motore, nuova cuffia dell’asse dell’elica, bimini rinforzato e tanto altro che sicuramente mi sto dimenticando. Non sarebbe riuscito a fare nulla senza il preziosissimo aiuto, sostegno e pazienza di Marco e Pierpaolo della Miceli Vela, che non finiremo mai di ringraziare, e di Claudio e Luca! Grazie ragazzi!

Mentre Peppe era quotidianamente occupato a soddisfare i capricci di Lallona, io ho indossato il mio nuovo cappello da maestra e ho iniziato con Sara e Sofia l’avventura dell’homeschooling, con il valido supporto del CNED. Abbiamo avuto bisogno di qualche giorno per prendere il ritmo, ma ora stiamo procedendo senza grosse difficoltà.  La settimana prossima abbiamo le prime verifiche con la scuola, e mi sento un po’ come prima di un esame! Insegnare alle proprie figlie, seppur faticoso, è molto gratificante. L’insegnamento poi continua tutto il giorno, in quanto qualsiasi cosa può essere il pretesto per rivedere la lezione del giorno e le nozioni acquisite! La cosa più difficile è adeguarsi al ritmo di ogni bambino, e trovare il canale giusto per comunicare (il che è poi applicabile a tutti i rapporti umani in generale). 

Infine, abbiamo avuto il nostro primo incontro con tutto l’equipaggio che ci seguirà nella traversata atlantica: Pierpaolo, Luca, Marco e Claudio. Siamo proprio contenti di condividere questa avventura con loro ed impazienti di averli a bordo! In questi giorni tra l’altro dovremmo finalmente sapere se faremo la ARC o la ARC+. La ARC è la regata atlantica che parte da Las Palmas e va direttamente a St. Lucia, nei Caraibi, con 2700 miglia da percorrere a vela. La ARC+ invece fa una tappa a Capo Verde, spezzando un po’ il tragitto. Quando abbiamo fatto l’iscrizione alla regata la ARC+ era al completo, e quindi ci siamo iscritti alla ARC. Ma sembra forse che si stia liberando un posticino, e lunedì dovremmo avere la risposta definitiva! 

La vita a bordo questa volta sarà diversa da quella dei due mesi precedenti. Avremo meno visite, la routine della scuola, l’autunno che si avvicina, e l’appuntamento con la traversata che ci terrà occupati in preparativi vari. Dovremmo tra l’altro trovare anche il tempo di studiarci bene le guide dei Caraibi, per organizzare il nostro viaggio una volta dall’altra parte dell’Atlantico!

Per ora questo è quanto. Ora è il momento di volgere la prua verso Ovest, verso il bellissimo arcipelago della Maddalena. 

Tagged , , , , , , , , , , , , , ,

5 thoughts on “Verso Ovest

  1. ragazzi, altro che giudizio, altro che non esssere approvati…stiamo tutti aspettando di vivere con voi la grande avventura!!! un abbraccio grande a tutti e quattro!

  2. Cara Paolina,
    controcorrente magari si, ma con l’ammirazione e l’approvazione di molti di noi. Lo spirito d’avventura non lascia scampo a chi lo possiede ed in viaggio non si é mai soli.
    Coraggio e buona strada…anzi buona rotta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *