PE

Tutti sull’ARC !!

Mancano ormai poche settimane alla partenza e siamo alle prese con i preparativi frenetici, quelli che vengono rimandati di mese in mese con l’idea “si vabbè tanto abbiamo ancora tempo dai…” poi alla fine il tempo passa e le cose non le abbiamo ancora fatte.  

Una di queste cose che è rimasta nella “to do list” per tanto tempo è l’iscrizione alla famosa ARC, che è LA regata per antonomasia attraverso l’Atlantico con partenza dalle Canarie e arrivo ai Caraibi. Perché’ partecipare alla ARC invece di attraversare l’oceano per i fatti nostri? Molti buoni motivi per quanto mi riguarda, tra cui:

  • Essere in compagnia di altri navigatori durante questo importante passaggio aiuta sotto molteplici aspetti, soprattutto legati alla sicurezza: se c’è qualche imprevisto, sappiamo che la nostra posizione è condivisa con le altre imbarcazioni che non sono troppo distanti, e con la regia inglese che supervisiona le posizioni e le condizioni atmosferiche questo significa che ci sono buone possibilità di ricevere assistenza e supporto in tempi ragionevoli;
  • Una corretta preparazione prima della partenza da Tenerife, con controlli sulla barca da parte degli organizzatori, seminari ed eventi finalizzati a condividere le preziose esperienze e le conoscenze di persone che hanno sotto la chiglia decine di passaggi atlantici;
  • La possibilità di conoscere persone con obiettivi e sogni simili: faremo infatti parte di una “piccola” comunità, e una volta atterrati potremo contare su una rete di conoscenze che, lontani da casa ed in luoghi “mai esplorati dall’homus italicus”, si rivelerà molto utile;
  • I feedback delle centinaia di persone che hanno fatto questa esperienza sono per la stragrande maggioranza molto positivi e tutti ribadiscono la qualità dell’organizzazione e la validità delle informazioni che sono condivise nella fase di preparazione. 

Per noi, che siamo quasi “navigatori d’acqua dolce”, con poca esperienza ma tanta voglia di imparare, attraversare l’oceano con il supporto della ARC ci permetterà di stare un pochino più tranquilli e meno stressati…questo almeno è quello che speriamo! 

La ARC è organizzata in due gruppi di barche separati, entrambi i gruppi condividono la partenza (Las Palmas) e l’arrivo (St. Lucia), ma c’è un’importante differenza tra le due versioni della ARC. La ARC “classica” prevede il passaggio senza nessuna sosta, “one shot” mentre la ARC+ prevede una sosta di 4 giorni a CAPO VERDE. 

Capo Verde non è proprio sulla rotta per St. Lucia, e quindi bisogna allungare un pochino (3000 miglia invece di 2700), però passare da quest’isola verde ci permetterebbe di:

  • fare una sosta tecnica e di cambusa, che non ci dispiace affatto
  • visitare l’isola che dovrebbe essere interessante
  • poter contare sugli alisei che a quelle latitudini sono più costanti 

L’anno scorso poi, durante lo svolgimento della ARC, c’è stata una perturbazione che ha interessato la rotta Canarie-St. Lucia e che ha creato non poche difficoltà alle barche che partecipavano alla regata, soprattutto nella zona più a nord. Molte di queste barche alla fine hanno dovuto deviare verso sud e hanno preferito fare una sosta a Capo Verde proprio per andare a trovare quei bei venti caldi e costanti e fare un passaggio più tranquillo…altre barche invece a causa di questa perturbazione hanno avuto delle avarie e sono dovute tornare indietro fino a Las Palmas!

Quindi già da subito io e Paoli ci siamo detti: ARC+ tutta la vita!

Consapevole di tutto ciò, pensavo nella mia ingenuità “OK muoviamoci per tempo e iscriviamoci alla ARC+ il prima possibile! La partenza è a Novembre quindi c’è tutto il tempo per iscriversi…” …il problema è che evidentemente la nostra idea non era così originale perché’ i 75 posti disponibili per la ARC+ sono andati già sold-out a Gennaio! 

Così, con grande disappunto, abbiamo dovuto optare per la ARC “one-shot” e contemporaneamente ci siamo messi in lista d’attesa per la ARC+, con la speranza che nei prossimi mesi ci possa essere qualche ritiro e a quel punto potremmo subentrare noi con Lallona…il problema è che siamo in quindicesima posizione in questa lista d’attesa, per cui le chance di poter partecipare alla ARC+ sono molto scarse…

Vediamo come andrà a finire ma in ogni caso sarà un’esperienza pazzesca!

Tagged , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *